talentPerchè e come utilizzare il web e i social media per cambiare lavoro 

I social media sono divenuti un importante strumento promozionale per qualsiasi attività lavorativa. Il concetto di identità personale è infatti strettamente legato alla rete:blog, liste, gruppi, facebook, twitter e tutti i social media sono la ragnatela  che collega chi cerca lavoro a chi lo offre, con le selezioni del personale che passano per i canali online. La capacità di proporsi con una profilo azzeccato sui social media è un approccio importante da affiancare al tradizionale curriculum vitae. E' perciò utile conoscere i passi essenziali per utilizzare al meglio le proprie opportunità, eccoli:

1. Fai un'attenta analisi della situazione:
non è possibile iniziare il proprio progetto di socialweb senza avere prima fatto un analisi dei punti di forza e di debolezza. Può sembrare scontato ma è fondamentale partire da una tradizionale valutazione in cui esaminare gli studi fatti, la propria formazione, l'età e gli impegni familiari, gli obiettivi a breve e lungo termine così come tutti i passaggi obbligatori del proprio progetto di vita. Questa e la fase forse più importante perché implica valutazioni globali che spesso vanno oltre la propria esperienza e possono necessitare di una consulenza esterna.

2. Metti a punto la tua immagine
Sulla base di quanto precedentemente formulato è ora necessario individuare i punti fondamentali che costituiranno la tua presentazione: i tratti salienti del carattere e della personalità, le passioni e la visone della vita, gli ideali le amicizia. Ispirati a quello che gli altri dicono di te e cerca di essere molto obiettivo e sincero dal momento che in rete tutto resta in memoria e la verità viene sempre a galla.Inizia poi a scrivere il tuo profilo personale e a scegliere le tue foto o i video. specialmente per il settore sociale ci deve essere dentro non solo quello che fai ma anche gli ideali, le opinioni, le esperienze le passioni e gli interessi personali..Quando il profilo è pronto sei arrivato all'aspetto più tecnico: la selezione dei migliori strumenti online da utilizzare

3.Trova gli strumenti migliori
I social network sono attualmente la parte della rete più avanzata ed in fase di veloce sviluppo. Per trovare quelli più adatti alle tue esigenze ci sono alcuni elementi di base da prendere in considerazione: prevalenza geografica: ad es in Italia facebook fa la parte del leone. Fascia di età: la messaggistica e i giochi sono uno dei principali strumenti di comunicazione per i giovani. Per il settore lavorativo LinkedIn è il preferito da imprenditori e manager. E' importante anche essere presenti sul web con un blog o un sito web dove sia possibile per tutti trovare a colpo sicuro - sempre alla solita url - le informazioni fondamentali. A questo proposito sul web sono disponibili molte soluzioni faidate, facilmente realizzabili e che assicurano l'audience data dai grandi network nazionali e internazionali.


4.Costruisci il tuo scacchiere
Ora che hai scelto i principali strumenti e hai messo a punto un profilo con i fiocchi è necessario iniziare a muoversi sullo scacchiere che ti vuoi scegliere. Il blog, la pagina su facebook, il profilo nei socialnetwork non sono assolutamente sufficienti e senza alcuna azione rimarrebbero inerti. Ora è il momento di scrivere i tuoi testi, inserire foto e video, partecipare ai gruppi e ai forum, commentare i post degli altri. Maggiore sarà la tua presenza e gli aggiornanti sui sugli spazi web che hai scelto di creare e di frequentare, maggiore sarà il ritorno che ti arriverà riguardo i tuoi obiettivi. Il web marketing è la disciplina principe in questo tipo di attività.

5.Controlla il polso della rete
L'ultimo passo è il monitoraggio di quello che succede on line in special modo di tutto quello che riguarda te. E' sufficientemente inserire il proprio nome oppure le parole chiave del settore prescelto e mediante strumenti quali Google alerts o Trackle è facile avere un quadro aggiornato di quanto passa sul web e conseguentemente aggiustare la mira in base ai propri obiettivi

L'articolo è liberamente tratto da mashable.com