Se vuoi cambiare il lavoro ma non sai come fare ecco le risposte per trovare il lavoro che stai cercando.

Leggi qui sotto le 11 domande sul cambio lavoro con le relative risposte e le soluzioni.
L’ultima domanda scrivila tu, su un tema che ti sembra particolarmente importante

Vorrei veramente un nuovo lavoro ma ho paura di cambiare, come posso fare ?

Molte persone provano paura davanti al cambiamento. Può essere un cambiamento relativo a tue situazioni personali, al luogo dove vivi, oppure un cambiamento lavorativo.
L’ effetto più comune è la tendenza a rimandare qualsiasi cosa possa comportare un cambio.


In termini psicologici si chiama resistenza al cambiamento, è un meccanismo di difesa, del tutto positivo, che fa parte del nostro patrimonio genetico e ci protegge dal compiere mosse imprudenti.

Spesso purtroppo diviene una scusa dietro a cui ci nascondiamo sollevando tutte le possibile eccezioni che ci vengono in mente quando non vogliamo fare una cosa.

I cambiamenti sono impegnativi, anche i più piccoli e così andiamo avanti nella nostra consuetudinaria routine impegnandosi il meno possibile.

Se poi il cambiamento ci mette in discussione il freno diviene fortissimo perchè sopravviene la paura di peggiorare la situazione oppure di non farcela.

Come procedere:

Il modo migliore di oltrepassare questo ostacolo è affrontarlo sui due fronti più importanti: quello razionale e quello emotivo.
Analizza razionalmente la tua situazione ed elimina tutte le scuse che non hanno fondamento e poi individua ciò che ti crea un disagio interno e inizia un paziente opera di superamento emotivo.
Leggi qui come funzionano la mente razionale e quella emotiva.

Come capisco che è arrivato il momento di cambiare lavoro?

Per capire se è realmente arrivato il momento di cambiare lavoro è necessario fare attenzione ad alcuni segnali ricorrenti:

  • I tuoi pensieri sono rivolti al passato e se pensi al presente ti senti demotivato e scontento.
  • Trascuri le tue passioni e ciò che ti piace fare nel tempo libero
  • Aumentano le cattive abitudini e uno stile di vita poco sano
  • Il tuo lavoro ti scontenta sotto molti punti di vista e ti rassegni a lasciare tutto come è
  • La giornata lavorativa diviene sempre più pesante e ti senti fisicamente esausto
Come procedere:

E’ importante che tu stabilisca un momento nel corso della giornata in cui, in uno spazio di pochi minuti, prendi nota di ciò che in quel momento ti mette maggiormente a disagio.
Alla fina della settimana fai una sintesi delle singole annotazioni giornaliere, ripeti per qualche settimana e ti sarà più facile capire dove ti trovi e come individuare la soluzione.

L’attuale lavoro mi fa sentire in gabbia cosa posso fare?

Quando il lavoro ti fa sentire in gabbia e l’effetto e quello di agognare situazioni in cui tu possa sentirti libero nel tuo lavoro, può essere arrivato il momento di renderti autonomo.

Probabilmente hai voglia di cambiare genere di lavoro, darti da fare e cambiare, imparare cose nuove, ritrovare il tuo valore.
Ti manca quel senso di gratificazione che magari hai provato in passato e che comunque deve essere presente il più possibile per per dare non solo al lavoro ma anche alla vita la qualità che tu desideri.


Come procedere:

E’ fondamentale in questo caso confrontarsi con altre persone. Domanda opinioni e punti di vista partendo dai tuoi colleghi e poi amici, conoscenti, familiari.
Il confronto con altre persone fornisce sempre nuovi spunti e idee che sono il punto di partenza per avviare la revisione del tuo percorso lavorativo.

Quali sono le migliori opportunità per cambiare lavoro?

La migliore opportunità non esiste, è invece fondamentale individuare e scegliere la tua direzione per trovare le occasioni che ti portano esattamente dove vuoi andare e dove puoi trovare il lavoro che stai cercando.
Se vuoi raggiungere il tuo obiettivo è importante analizzare la situazione, studiare la strategia migliore e utilizzare gli strumenti più efficaci.

Occorre farlo senza pregiudizi e liberandosi da inutili paure. Non conviene sacrificare un promettente futuro per il timore lasciare una situazione insoddisfacente.
Meglio rimettersi in gioco e vivere al meglio la vita e il lavoro.

Come procedere:

scrivi una lista (tra i 5 e i 10) di punti che sono per te importanti e che rappresentano al tua idea di cambiamento: una volta terminato questo elenco rivedilo e mettilo in ordine di importanza per capire quali sono le tue priorità.
Scopri di più leggendo Trova il lavoro che c’è in te, suggerimenti dettati dall’esperienza

Per cambiare lavoro conviene seguire più il cervello o la pancia?

Nei passaggi difficili della vita e del lavoro bisogna fare attenzione a non seguire solo l’istinto o, al contrario, prendere in considerazione decisioni basate solo solo sull’aspetto razionale.
Cerca di usare in modo equilibrato entrambe queste risorse, alternandole e e utlizzandole al meglio con metodi e tecniche che sviluppino tutto il tuo potenziale


Come procedere:

L’istinto serve all’inizio e alla fine, mentre la ragione interviene nel mezzo. All’inizio scatta qualcosa perché c’è un’insoddisfazione alla spalle o un sogno davanti a noi.
La ragione interviene dopo nel governare la direzione del cambiamento. La decisione finale, infine, è come tuffarsi da un trampolino. Il momento esatto del salto lo decide un meccanismo istintivo.

Come mi posso preparare ad un appuntamento importante?

In tutti i momenti della nostre esistenza si possono presentare eventi che sono importanti se non decisivi. Prepararti su due fronti paralleli: il primo è cercare di pianificare al meglio e nei dettagli eventi già programmati, il secondo è apprendere un metodo che ti consenta di dare il meglio di te in qualsiasi momento tu sia chiamato improvvisamente a utilizzare al meglio le tue risorse personali


Come procedere:

Quando hai un appuntamento importante la preparazione per quello specifico momento si basa su strumenti quali le tecniche motivazionali e la visualizzazione, come se tu stessi anticipando la situazione, vedendo la situazione in un film e pensando che tutto andrà bene.


Per prepararsi poi ai molti eventi e appuntamenti che possono capitare senza preavviso è invece consigliabile apprendere e utilizzare le tecniche anti stress basate sulla gestione del respiro che permette di eliminare gli stati di ansia e nervosismo.

Tutto sta andando per il meglio ma sento di avere paura, come fare?

Quando studiamo con attenzione il nostro progetto e poi lo realizziamo ci possono essere momenti in ci ritroviamo spaventati da un evoluzione inaspettatamente positiva dei nostri piani.
Il timore dei risultati positivi arriva quando questi ci obbligano a confrontarsi con un obiettivo che si avvicina sempre più e che ci obbliga a cambiare.

Un lavoro migliore, un partner impegnativo, un trasferimento di sede, sono cambiamenti importanti che comportano impegno se non stress. “Va tutto bene ma sarò all’altezza di questa nuova situazione ?” è il dubbio più ricorrente in questi casi.


Come procedere:

Si tratta principalmente di migliorare l’autostima per convincersi che siamo e saremo in grado di gestire al meglio i nostri progetti.
Ecco come fare: focalizza la tua attenzione su ciò che sai fare bene e sui positivi risultati raggiunti, ascolta attentamente i complimenti degli altri e sopratutto elimina dalla tua mente le critiche eccessive e troppo ricorrenti. Leggi di più sull’autostima

Voglio cambiare e sto pensando a mettermi in proprio da dove iniziare?

Per molti arriva un momento in cui la situazione lavorativa diviene difficile da sostenere e contemporaneamente cresce il desiderio di autonomia, la voglia di svolgere un lavoro gratificante, il sogno di trasferirsi in una bella città o in un paese tropicale…
Sono tutte ottime ragioni per mettersi in proprio, certo esistono anche gli aspetti più difficili da risolvere: la mancanza di un capitale iniziale, il diverso concetto di sicurezza, un lavoro impegnativo ad orario indeterminato e non ultimo il timore di non essere all’altezza della nuova situazione.


Come procedere:

Realizzare un progetto professionale o un’idea imprenditoriale è un passo importante che comporta una specifica preparazione.
Molti sono i fattori, i rischi e le opportunità da valutare attentamente.
L’idea iniziale non è sufficiente per la realizzazione e il successo dell’impresa, è perciò necessario fari aiutare da organizzazioni specializzate come Il programma Mip Mettersi in Proprio delle Regione Piemonte

Che cosa è veramente importante per mettersi in proprio?

Dopo avere trovato un ‘idea che risponda ai propri desideri, l’aspetto più importante è sicuramente un piano accurato e realistico, non tutti però hanno la capacità e la formazione per stendere un ottimo business plan.
E infatti importante partire da un primo orientamento per capire esattamente come trasformare l’idea iniziale in un vero e proprio progetto. Si tratta di in percorso a tappe per definire, sviluppare e realizzare una impresa o una attività professionale.


Come procedere:


E’ possibile farsi un’idea dei passaggi necessari con questa Guida per l’apertura di un’attività economica a cura della Regione Piemonte

E’ possibile mettersi in proprio senza soldi?

Succede spesso che manchi il capitale da investire nel progetto che vorresti realizzare.
Accade però anche più spesso che molte idee sono state realizzate e hanno avuto successo partendo con risorse molto limitate o nulle.
Un consistente capitale iniziale non comporta infatti nessuna garanzia di riuscita


I capitali indispensabili sono invece quelli che fanno riferimento alla motivazione personale, al tempo e alle energie investite e alla volontà di non demordere, soldi poi sono una naturale evoluzione

Come prevenire i pentimenti

Meglio i ripensamenti che i rimpianti si suole dire, e specialmente in ambito lavorativo è necessario avere chiari gli obiettivi che vogliamo perseguire.
Vogliamo continuare ad attendere di cambiare mantenendo un ruolo che non ci soddisfa oppure vogliamo fare di tutto per progredire nei propri piani di prograssione di carriera e crescita personale.

Ci domanderemo un giorno come sarebbe andate se quella volta avrei scelto di. Ebbene il momento di farsi questa domanda è arrivato, il momento di decidere è ora, e proprio oggi può essere il primo giorno del nostro futuro lavorativo.

Qual’è la tua domanda?

Se hai una tua domanda, commento o richiesta scrivimela a pl.rizzini@socialidarity.it, sarò lieto di dialogare con te 🙂


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *